martedì 29 maggio 2012

Leadership Mancante

Possiamo assistere ad un assaggio del futuro. Già oggi abbiamo un panorama politico ed economico devestato: una landa desolata che ospita rovine tranciate dal tempo e dalla polvere, ossa di animali a riempire le vallate gialle e tempestate di un vento che suggerisce semplicemente all'occhio umano di voltare lo sguardo e andarsene. Le persone stanno visibilmente perdendo la fiducia nell'apparato democratico-statale. I costi di questa macchina burocratica si fanno sempre più alti, esige un nutrimento sempre maggiore, disperde e spreca parecchie risorse, impoverisce a ritmo battente i suoi sottoposti e fa promesse che non può mantenere. Tutti i governi camminano sul filo di lana, hanno costruito un sistema di promesse che non possono mantenere e si basano ormai, oltre che su costi crescenti, sul furto di una parte della popolazione a favore di un'altra. Così si uccide la produzione, lentamente ma inesorabilmente. Il problema è uno: le promesse non possono essere rotte, anche se impossibili. I gruppi di pressione non lo permettono, è politicamente suicida. Solo che quest'ultimo sarà l'epitaffio della classe dirigente. Più ci si guarda intorno più si scorgono governi fantoccio ed inchini riverenziali verso autorità diverse da quella del popolo; le persone (si spera) hanno memoria, ed ora stanno scorgendo il reale volto dell'apparato statale. Il tempo dei "volti carismatici" è finito. E' incombente un risveglio. Fate le vostre scommesse.
__________________________________________________________________________________


di Gary North


Tre decenni fa, la leadership politica era in un mercato al rialzo. Oggi, è in un mercato al ribasso.

Sarkozy ha perso in Francia questo mese. La Grecia non può formare un governo. Il partito della Merkel ha perso un'elezione importante durante il fine settimana. La Gran Bretagna è governata da un governo di coalizione. Obama ha usato la sua maggioranza in entrambe le camere del Congresso per infondere uno stimolo da $787 miliardi, che è svanito. Poi il suo partito ha perso la Camera nel 2010. Il supporto per la sua figura è tiepido, nella migliore delle ipotesi.

Pensate indietro di 30 anni. In politica, vi erano tre figure fondamentali: Ronald Reagan, Margaret Thatcher e Deng Xiaoping. Nella religione, ce n'era una: Giovanni Paolo II.



REAGAN

Ronald Reagan impose i suoi tagli fiscali nel 1981. I Democratici alla Camera lo assecondarono a malincuore. La popolazione era dietro di Reagan. Lo sapevano.

Aveva sconfitto Jimmy Carter. Quella era la prima volta che un Presidente in carica eletto aveva perso sin dal 1932. (Ford non era stato eletto.)

Nel 1982, Reagan firmò il TEFRA. Aumentò le tasse. La bancarotta della Previdenza Sociale arrivò nel 1983. Reagan accettò la decisione della Commissione Greenspan sulla Previdenza Sociale. Accettò un aumento delle tasse di lungo termine.

Nel 1982, l'economia era nella peggiore recessione sin dalla Seconda Guerra Mondiale. Il Dow Jones Industrial Average raggiunse 777 il 13 Agosto 1982. Firmò il TEFRA tre settimane più tardi. Rifiutò di porre il veto su qualsiasi legge sulla spesa. Non chiuse alcun dipartimento federale. I deficit annuali da $200 miliardi iniziarono nel 1983, ma anche allora, fu salutato come un grande leader. Divenne il Presidente di Teflon. Niente di negativo lo fermava. Sconfisse lo sfortunato Walter Mondale nel 1984 per un incredibile 525 a 13 voti elettorali.

Lasciò la Casa Bianca a James Baker III. Baker, allora come oggi, era un uomo di Bush. Ma la retorica di Reagan non fallì mai di ispirare i suoi seguaci. Se ne andò dalla carica come un presidente popolare.

Reagan sosteneva solo tre politiche non negoziabili:
  1. tagli delle imposte sul reddito alle fasce superiori,
  2. rafforzamento dell'esercito,
  3. anti-Comunismo.
Rimase fermo sulle sue convinzioni.
Non appena prestò giuramento, un sindacato minore, il PATCO, che gestiva il controllo del traffico aereo, andò in sciopero. Questo era illegale per la legge federale. Reagan disse che avrebbe licenziato chiunque non fosse tornato a lavorare in un giorno specifico. La maggior parte dei membri del PATCO non tornarono al lavoro. Tutti loro vennero licenziati. Non ci furono incidenti aerei. La transizione verso nuovi dipendenti proseguì senza intoppi.

Ciò mandò un messaggio ai leader sindacali. Lo mandò anche ai dirigenti Sovietici. Erano tanto vecchi come Reagan, ma lui sembrava più tosto, e le foto di Reagan mentre cavalcava il suo cavallo o mentre recintava il suo ranch stavano ad indicare che era mentalmente e fisicamente molto più giovane.

Ricordo una vignetta politica dell'epoca. Era una corsa su pista. Brezhnev aveva i suoi pantaloncini da corsa, con un deambulatore. Reagan correva davanti a lui, con tutti i denti. Questa vignetta catturò la reale condizione della leadership Sovietica. Breznev morì nel Novembre 1982. Il suo sostituto fu Andropov. Morì nel Febbraio del 1984. Il suo sostituto fu Chernenko. Morì nel Marzo 1985.

Clinton era popolare. Riuscite a ricordare qualunque cosa abbia fatto, oltre a Monica? E' stato in carica per 8 anni, e soprattutto ricordiamo Hillary. Anche lui era un Presidente di Teflon. Tutto ciò che faceva ricordava il Teflon. Era inaffondabile.



THATCHER

Dall'altra parte dell'Atlantico nel 1982 c'era Margaret Thatcher. E' stata la prima donna Primo Ministro della Gran Bretagna. Fu eletta nel Maggio 1979. Wikipedia riassume come vinse.

I Conservatori fecero campagna elettorale sulle questioni economiche, impegnandosi a controllare l'inflazione ed a ridurre il crescente potere dei sindacati che sostenevano gli scioperi di massa. Assunsero anche l'agenzia pubblicitaria Saatchi & Saatchi. La campagna dei Conservatori si concentrò sul raggiungimento del sostegno da parte degli elettori Labouristi che non avevano mai votato per i Conservatori prima, di coloro che si accingevano a votare per la prima volta e delle persone che avevano votato Liberal nel 1974. . . . Chiese esplicitamente agli elettori Labouristi il loro sostegno quando lanciò la sua campagna a Cardiff, sostenendo che il Labour era ormai estremo.

Questo era esattamente la strategia che Reagan adottò un anno più tardi. Nel mezzo di una tempestosa inflazione nei prezzi e di una recessione, ottenne i voti dei "colletti blu Democratici" che percepivano correttamente che Carter ed i Democratici non erano profondamente impegnati per le loro preoccupazioni.

Rimase ferma sulle sue convinzioni.

La politica economica della Thatcher fu influenzata dal pensiero monetarista e da economisti come Milton Friedman. Insieme al Cancelliere dello Scacchiere Geoffrey Howe, abbassò le imposte dirette sul reddito ed aumentò le imposte indirette. Aumentò i tassi di interesse per rallentare la crescita dell'offerta di moneta e pertanto abbassare l'inflazione, introdusse limiti alla spesa pubblica e ridusse la spesa sui servizi sociali come l'istruzione e la casa. I suoi tagli alla spesa per l'istruzione superiore la portarono ad essere la prima Primo Ministro del dopoguerra istruita ad Oxford a non essere insignita del dottorato honoris causa dall'Università di Oxford, dopo un voto di 738 a 319 del gruppo di governo ed una petizione degli studenti.

Non aumentò i tassi d'interesse. Il libero mercato lo fece. La Banca d'Inghilterra cessò di inflazionare, seguendo l'esempio della Federal Reserve, con Paul Volcker che invertì la linea politica nel mese di Agosto 1979. Ecco perché l'inflazione nei prezzi rallentò. Ecco anche perché l'Occidente finì in una grave recessione. Come insegna la teoria economica Austriaca, quando le banche centrali inflazionano, ci saranno degli effetti: aumento dei prezzi ed un boom. Quando cessano di inflazionare, ci saranno bolle scoppiate ed una recessione.

Poi, come Reagan nel 1982, invertì la politica sulle tasse.

L'approvazione del lavoro della Thatcher scese al 23% nel Dicembre 1980, inferiore a quello registrato da qualsiasi altro Primo Ministro. Non appena la recessione dei primi anni '80 si intensificò, aumentò le tasse; nonostante le preoccupazioni espresse in una dichiarazione firmata da 364 economisti di spicco rilasciata verso la fine del Marzo 1981.

Perché aumentò le tasse? Perché rifiutò di tagliare le spese: come Reagan. Ma l'economia cominciò a riprendersi sotto la nuova politica monetaria.

Nel 1982 il Regno Unito iniziò a sperimentare segnali di ripresa economica, l'inflazione scese al 8.6% da un massimo del 18%, ma la disoccupazione era più di 3 milioni per la prima volta sin dal 1930. Nel 1983 la crescita economica globale divenne forte e l'inflazione ed i tassi dei mutui scesero ai livelli più bassi dal 1970, anche se la produzione manifatturiera scese del 30% sin dal 1978 e la disoccupazione rimase elevata, raggiungendo il picco di 3.3 milioni nel 1984.

Questo in parallelo con gli Stati Uniti. Interrompendo l'inflazione nei prezzi, le due banche centrali causarono una recessione mondiale. Ma si invertì, come risultato di un abbassamento delle aliquote fiscali marginali superiori e di denaro più stabile.

I deficit negli Stati Uniti rimasero enormi, ma l'economia supply-side ottenne il credito. Le politiche Keynesiane erano al cuore – enormi deficit – ma i Keynesiani non ottennero merito di ciò, perché Reagan e la Thatcher erano verbalmente anti-Keynesiani. I deficit di Reagan terminarono l'eredità retorica del Partito Repubblicano di bilanci in pareggio. Quella era l'eredità suprema di Reagan alla vita politica Americana. Ora viviamo sotto il bipartisan dei deficit Keynesiani. Così come tutto l'Occidente.

Eppure, l'economia sta affondando in recessione. Il Keynesismo non funziona.

Nell'Aprile 1982, i militari dell'Argentina attaccarono le Isole Falkland di proprietà dell'Inghilterra, o le Malvinas come le chiamavano gli Argentini. Tali isole erano al largo della costa orientale dell'Argentina. Non avevano alcun valore economico o strategico. Erano utilizzate per l'allevamento delle pecore. La Thatcher entrò in guerra. Nel mese di Giugno, l'Argentina si arrese. Gli Inglesi persero 255 uomini. L'Argentina ne perse 649. Il governo Argentino cadde. La Thatcher venne nettamente rieletta nel 1983.

Queste sei settimane di guerra avevano portato al limite la Marina Britannica. Ciò indica che la capacità militare della Gran Bretagna era l'ombra di quello che era nel 1945. Ma le bandiere sventolavano e la folla applaudiva.

Nel 1984, i minatori di carbone Britannici sciperarono in inverno. La Thatcher si rifiutò di capitolare. Spezzò il sindacato. Come Reagan, diede grandi discorsi. Era una sostenitrice del libero mercato, come Reagan. Lasciò un'eredità retorica pro-mercato, come fece Reagan. Questa eredità era molto più forte rispetto alle sue politiche, lo stesso vale anche per Reagan.

Al centro di entrambe le economie c'erano le rispettive banche centrali. Volcker, non Reagan, fu il progettista della ripresa. Questo era vero anche in Gran Bretagna. La Banca d'Inghilterra deteneva il potere reale. La Thatcher ed il governo Britannico no.



DENG

Nel 1978, Deng Xiaoping annunciò una nuova politica per l'agricoltura. D'ora in poi, gli agricoltori avrebbero potuto coltivare quello che volevano. Avrebbero potuto vendere i loro raccolti ad altri, senza l'intervento del governo Cinese.

La conferma arrivò ad un villaggio in un modo unico. NPR l'ha rivelato all'inizio del 2012. La storia era ampiamente conosciuta in Cina da anni. La stampa Tedesca ha raccontato la storia nel 2008. Ma la versione NPR è vivace.

Nel 1978, i contadini di un piccolo villaggio Cinese chiamato Xiaogang si riunirono in una capanna di fango per firmare un contratto segreto. Pensarono che sarebbero stati fucilati. Invece, tale contratto finì per trasformare l'economia Cinese in modi che risuonano ancora oggi. Il contratto era così rischioso – e un grande affare – perché venne creato al culmine del comunismo in Cina. Ognuno lavorava nella fattoria collettiva del villaggio, non esisteva proprietà personale.

Gli agricoltori erano alimentati con il comunismo. Accettarono di assegnare i lotti alle famiglie. Ognuno avrebbe coltivato il cibo per la famiglia. Li trasformò in capitalisti.

Non era libera impresa pura. Parte del raccolto sarebbe comunque andato al governo. Qualcuno andò nella collettività locale. Ma le famiglie che superavano le rispettive quote potevano tenersele.

Avrebbero potuto essere giustiziati per questa rivolta. Il contratto diceva che se fosse avvenuto ciò, o se qualcuno fosse andato in prigione, altre famiglie si sarebbero prese cura dei bambini fino ai 18 anni.

Cercarono di mantenere segreto il contratto. Fallirono.

Prima del contratto, gli agricoltori si sarebbero trascinati nei campi solo quando suonava la sirena del paese, segnando l'inizio della giornata lavorativa. Dopo il contratto, le famiglie uscivano prima dell'alba. "Siamo tutti segretamente in competizione," dice Yen Jingchang. "Tutti volevano produrre di più della persona accanto."

Ah, questi imperscrutabili Cinesi! Erano dei capitalisti segreti. Erano disciplinati dal nesso dei contanti. Marx aveva messo in guardia da queste persone. Pensano solo a sé stesse, non al bene più grande. Lavorano di più.

Nulla era cambiato, tranne il sistema delle ricompense. Non c'erano nuovi strumenti.

Era la stessa terra, gli stessi strumenti e le stesse persone. Eppure, cambiando semplicemente le regole economiche – dicendo, potete mantenere alcune delle cose che coltivate – tutto è cambiato. Alla fine della stagione, ebbero un raccolto enorme: maggiore, dice Yen Hongchang, rispetto ai cinque anni precedenti messi insieme. Questo enorme raccolto li tradì. I funzionari locali capirono che gli agricoltori avevano diviso la terra, e la notizia di ciò che era accaduto a Xiaogang risalì la catena di comando del Partito Comunista.

Burocrati Comunisti abbastanza intelligenti! Voglio dire, se tutto ad un tratto la produzione aumenta di cinque a uno, ci può essere una sola spiegazione razionale: capitalismo strisciante!

Ad un certo punto, Yen Hongchang venne trascinato all'ufficio locale del Partito Comunista. I funzionari lo insultarono, lo trattarono come se fosse nel braccio della morte. Ma fortunatamente per Mr. Yen e gli altri agricoltori, in questo momento della storia, c'erano persone potenti del Partito Comunista che volevano cambiare l'economia della Cina. Deng Xiaoping, il leader Cinese che avrebbe reso la Cina un'economia moderna, era appena arrivato al potere. Così, invece di giustiziare gli agricoltori di Xiaogang, i leader Cinesi decisero in ultima analisi di tenerli come un modello.

Questo non fu un incidente isolato. La stessa storia si ripetè in tutta la Cina, motivo per cui la produzione agricola aumentò nel 1979. (Per un documento accademico che spiega questo aumento enorme, ma non fa menzione di Deng o della modifica dei diritti di proprietà, consultate questo.) Wiki scrive:

Le riforme economiche che sfruttavano i principi del mercato ebbero inizio nel 1978 e vennero effettuate in due fasi. La prima fase, alla fine del 1970 ed all'inizio del 1980, comportò la de-collettivizzazione dell'agricoltura, l'apertura del paese agli investimenti stranieri, e il permesso per gli imprenditori ad avviare nuove imprese. Tuttavia, la maggior parte dell'industria restava di proprietà dello stato. La seconda fase della riforma, alla fine degli anni '80 e nei '90, comportò la privatizzazione e l'appalto di gran parte dell'industria di proprietà statale e l'abolizione del controllo dei prezzi, delle politiche protezionistiche, e delle regolamentazioni, anche se rimasero i monopoli di stato in settori quali quello bancario e petrolifero.



GIOVANNI PAOLO II

Divenne Papa nel 1979, dopo 30 giorni del termine breve di Giovanni Paolo I. Parlava diverse lingue. Era un sopravvissuto. Era sopravvissuto ai Nazisti. Era sopravvissuto ai Comunisti. Era stato mentore dal cardinale Stefan Wyszynski, un altro maestro nell'esasperazione di una burocrazia ostile.

Entrò in carica come un anti-Comunista. Il suo tentato assassinio nel 1981 da un uomo assunto da Comunisti Bulgari non lo rese più cordiale. Ma perdonò l'uomo nel 1983, e lo incontrò anche. Cambiò radicalmente l'atteggiamento dell'uomo.

Ci sono state visioni in competizione sulla sua eredità, ovviamente. Ma non c'è dubbio che egli sia stato il Papa che ha viaggiato di più nella storia. Le folle che si riunivano per vederlo erano enormi. La folla a Manila nel 1995 si stimava che fosse composta dai 5 ai 7 milioni.

Nei suoi ultimi giorni come Premier dell'Unione Sovietica, Gorbaciov si recò in Vaticano per incontrare il Papa. Nel bel mezzo di una crisi economica, Gorbaciov doveva costruire rapporti con l'Occidente. Aveva bisogno di prestiti. Conosceva l'importanza del Papa come rappresentante dell'Occidente. Il Papa non gli portò visita.



CONCLUSIONE

Non c'è Presidente, Primo Ministro, o Premier che tenga testa al gruppo dei tre nel 1982. Non vi è neanche alcun leader religioso. Non c'è nessuno che ispiri molto rispetto. Non c'è nessuno che esercita l'autorità in termini di una visione di rinnovamento sociale.

Dato lo stato dell'opinione pubblica oggi, è meglio che non ci sia un leader del genere. Gli elettori si sono impegnati al raggiungimento di obiettivi inconciliabili, in tutto il mondo. Non si fidano dello stato, ma si basano sullo stato per i pagamenti sociali. Percepiscono la corruzione, eppure non vogliono prosciugare i fondi di questa corruzione attraverso tagli alla spesa. Vedono che le loro libertà vengono portate via dallo stato, eppure chiedono una maggiore azione contro terroristi indefiniti. Sono, in una parola, degli schizofrenici.

La schizofrenia non produce guarigione. Produce confusione.


[*] traduzione di Francesco Simoncelli


Nessun commento:

Posta un commento

ShareThis